Linux Warlord Blog -www.linuxwarlord.tk-





domenica, aprile 30, 2006

Crystal Vista XT Paolo Icon Mod 1.1 Released!

Arriva alla versione 1.1 il mio set di icone, il Crystal Vista XT Paolo Icon Mod!


Image Hosted by ImageShack.us





Queste le statistiche su Kde-Look:





mercoledì, aprile 26, 2006

Capire l'Fstab per montare partizioni

Un interessante articolo, in lingua inglese, che spiega il file /etc/fstab, quello che contiene cosa, dove ed in che modo montare le partizioni.

Indirizzo originale: http://www.tuxfiles.org/linuxhelp/fstab.html


There's a file called /etc/fstab in your Linux system. Learn what its contents mean and how it's used in conjunction with the mount command. When you learn to understand the fstab file, you'll be able to edit its contents yourself, too.

In this tuXfile I assume you already know how to mount filesystems and partitions with the mount command. If you don't, I suggest reading the Mounting tuXfile before reading this one.

Author: Nana Långstedt
tuXfile created: 12 October 2003
Last updated: 19 January 2006


fstab is a configuration file that contains information of all the partitions and storage devices in your computer. The file is located under /etc, so the full path to this file is /etc/fstab.

/etc/fstab contains information of where your partitions and storage devices should be mounted and how. If you can't access your Windows partition from Linux, aren't able to mount your CD or write to your floppy as a normal user, or have problems with your CD-RW, you probably have a misconfigured /etc/fstabfstab file. file. So, you can usually fix your mounting problems by editing your fstab file.



/etc/fstab is just a plain text file, so you can open and edit it with any text editor you're familiar with. However, note that you must have the root privileges before editing fstab. So, in order to edit the file, you must either log in as root or use the su command to become root.

Of course everybody has a bit different /etc/fstab file because the partitions, devices and their properties are different on different systems. But the basic structure of fstab is always the same. Here's an example of the contents of /etc/fstab:

/dev/hda2 / ext2 defaults 1 1
/dev/hdb1 /home ext2 defaults 1 2
/dev/cdrom /media/cdrom auto ro,noauto,user,exec 0 0
/dev/fd0 /media/floppy auto rw,noauto,user,sync 0 0
proc /proc proc defaults 0 0
/dev/hda1 swap swap pri=42 0 0

What does all this gibberish mean? As you see, every line (or row) contains the information of one device or partition. The first column contains the device name, the second one its mount point, third its filesystem type, fourth the mount options, fifth (a number) dump options, and sixth (another number) filesystem check options. Let's take a closer look at this stuff.


The first and second columns should be pretty straightforward. They tell the mountyou tell mount when you mount stuff manually: what is the device or partition, and what is the mount point. The mount point specified for a device in /etc/fstab is its default mount point. That is the directory where the device will be mounted if you don't specify any other mount point when mounting the device. command exactly the same things that

Like you already learned from the Mounting tuXfile, most Linux distros create special directories for mount points. Most distros create them under /mnt, but some (at least SuSE) under /media. As you probably noticed when looking at the example fstab, I use SuSE's mount points as an example.

What does all this mean? If I type the following command:
$ mount /dev/fd0
... my floppy will be mounted in /media/floppy, because that's the default mount point specified in /etc/fstab. If there is no entry for /dev/fd0 in my fstab when I issue the command above, mount gets very confused because it doesn't know where to mount the floppy.

You can freely change the default mount points listed in /etc/fstab if you're not satisfied with the defaults your distro has given you. Just make sure the mount point is a directory that already exists on your system. If it doesn't, simply create it.

Some partitions and devices are also automatically mounted when your Linux system boots up. For example, have a look at the example fstab above. There are lines that look like this:

/dev/hda2 / ext2 defaults 1 1
/dev/hdb1 /home ext2 defaults 1 2

As you've learned, these lines mean that /dev/hda2 will be mounted to / and /dev/hdb1 to /home. This is done automatically when your Linux system boots up... if it wouldn't, you'd have a hard time using your cool Linux system because all the programs you use are in / and you wouldn't be able to run them if / wasn't mounted! But how does the system know where you want to mount /dev/hda2 and /dev/hdb1? By looking at the /etc/fstab file of course.


The third column in /etc/fstab specifies the filesystem type of the device or partition. Many different filesystems are supported but we'll take a look at the most common ones only.

ext2 and ext3 Very likely your Linux partitions are Ext3. Ext2 used to be the standard filesystem for Linux, but these days, Ext3 and ReiserFS are usually the default filesystems for almost every new Linux distro. Ext3 is a newer filesystem type that differs from Ext2 in that it's journaled, meaning that if you turn the computer off without properly shutting down, you shouldn't lose any data and your system shouldn't spend ages doing filesystem checks the next time you boot up.

reiserfs Your Linux partitions may very well be formatted as ReiserFS. Like Ext3, ReiserFS is a journaled filesystem, but it's much more advanced than Ext3. Many Linux distros (including SuSE) have started using ReiserFS as their default filesystem for Linux partitions.

swap The filesystem name is self-explanatory. The filesystem type "swap" is used in your swap partitions.

vfat and ntfs Your Windows partitions are probably either Vfat or NTFS. The 9x series (95, 98, ME) all use Vfat (more widely known as FAT32), and the NT series (NT, 2000, XP) use NTFS. In 2000 and XP you can choose the filesystem type, so 2000 and XP partitions may be formatted as Vfat, too. If you want to be able to write to your Windows partitions from Linux, I suggest formatting them as Vfat, because Linux's support for writing to NTFS partitions is a bit shabby at this moment.

auto No, this isn't a filesystem type :-) The option "auto" simply means that the filesystem type is detected automatically. If you take a look at the example fstab above, you'll see that the floppy and CD-ROM both have "auto" as their filesystem type. Why? Their filesystem type may vary. One floppy might be formatted for Windows and the other for Linux's Ext2. That's why it's wise to let the system automatically detect the filesystem type of media such as floppies and cdroms.


The fourth column in fstab lists all the mount options for the device or partition. This is also the most confusing column in the fstab file, but knowing what some of the most common options mean, saves you from a big headache. Yes, there are many options available, but I'll take a look at the most widely used ones only. For more information, check out the man page of mount.

auto and noauto With the auto option, the device will be mounted automatically (at bootup, just like I told you a bit earlier, or when you issue the mount -a command). auto is the default option. If you don't want the device to be mounted automatically, use the noauto/etc/fstab. With noauto, the device can be mounted only explicitly. option in

user and nouser These are very useful options. The user option allows normal users to mount the device, whereas nouser lets only the root to mount the device. nouser is the default, which is a major cause of headache for new Linux users. If you're not able to mount your cdrom, floppy, Windows partition, or something else as a normal user, add the user option into /etc/fstab.

exec and noexec exec lets you execute binaries that are on that partition, whereas noexecnoexec might be useful for a partition that contains binaries you don't want to execute on your system, or that can't even be executed on your system. This might be the case of a Windows partition. doesn't let you do that.

exec is the default option, which is a good thing. Imagine what would happen if you accidentally used the noexec option with your Linux root partition...

ro Mount the filesystem read-only.

rw Mount the filesystem read-write. Again, using this option might cure the headache of many new Linux users who are tearing their hair off because they can't write to their floppies, Windows partitions, or something else.

sync and async How the input and output to the filesystem should be done. sync means it's done synchronously. If you look at the example fstab, you'll notice that this is the option used with the floppy. In plain English, this means that when you, for example, copy a file to the floppy, the changes are physically written to the floppy at the same time you issue the copy command.

However, if you have the async option in /etc/fstab, input and output is done asynchronously. Now when you copy a file to the floppy, the changes may be physically written to it long time after issuing the command. This isn't bad, and may sometimes be favorable, but can cause some nasty accidents: if you just remove the floppy without unmounting it first, the copied file may not physically exist on the floppy yet!

async is the default. However, it may be wise to use sync with the floppy, especially if you're used to the way it's done in Windows and have a tendency to remove floppies before unmounting them first.

defaults Uses the default options that are rw, suid, dev, exec, auto, nouser, and async.


Dump and, uh, what options? Well, dump is a backup utility and fsck is a filesystem check utility. I won't discuss them in great length here (they would both need their own tuXfile), but I'll mention them, because otherwise you'd spend the rest of the day wondering what on God's green Earth do these things mean.

The 5th column in /etc/fstab is the dump option. Dump checks it and uses the number to decide if a filesystem should be backed up. If it's zero, dump will ignore that filesystem. If you take a look at the example fstab, you'll notice that the 5th column is zero in most cases.

The 6th column is a fsck option. fsck looks at the number in the 6th column to determine in which order the filesystems should be checked. If it's zero, fsck won't check the filesystem.


As an example, we'll take a look at a couple of fstab entries that have been a source of endless frustration for new Linux users: floppy and CD-ROM (although these days floppies aren't that important anymore).

/dev/fd0 /media/floppy auto rw,noauto,user,sync 0 0

This line means that the floppy is mounted to /media/floppy by default and that its filesystem type is detected automatically. This is useful because the type of the floppy may wary. Note especially the rw and user options: they must be there if you want to be able to mount and write to the floppy as a normal user. If you have trouble with this, check your fstab file to see if these options are there. Also note the sync option. It can be async just as well, but it's sync because of reasons discussed a bit earlier.

/dev/cdrom /media/cdrom auto ro,noauto,user,exec 0 0

Note, again, the user option that enables you to mount the CD as a normal user. The CD-ROM has the ro option because it's no use mounting a CD-ROM read-write because you wouldn't be able to write to it anyway. Also note the exec option. It's especially useful if you'd like to be able to execute something from your CD.

Also note that the noauto option is used with the floppy and CD-ROM. This means that they won't be automatically mounted when your Linux system boots up. This is useful for removable media, because sometimes there won't be any floppy or CD-ROM when you boot up your system, so there isn't any reason to try to mount something that doesn't even exist.


lunedì, aprile 24, 2006

File System a Confronto

Ho trovato questo articolo interessante sui file system utilizzati da linux. Ext3, ReiserFs, Xfs e Jfs sono quelli testati. Personalmente uso XFS sia per le ottime prestazioni sia per i vari tool che si trovano al suo interno come Defrag, Ridimensionamento della partizione al volo, controllo del disco e molto altro. Il sistema di riferimento però è un vecchio PIII che penalizza sia ReiserFs che XFS che fanno un uso maggiore della cpu per ottimizzare le prestazioni.

Buona lettura.



Articolo tratto da: http://blog.neminis.org/linux-filesystems-a-confronto.xhtml


Ritenevo questo articolo molto interessante, visto il tema che ogni tanto ricorre, sulla scelta del filesytem più adatto a migliorare le prestazioni del sistema. Per tanto, ho deciso di tradurlo, mentre lo leggevo, così da renderlo disponibile anche per i più “pigri”.

Ci sono molti test che confrontano i file system di Linux in giro per la rete. Molti di essi, però, sono fatti con vecchie versioni del Kernel oppure basati su task artificiali. Il benchmark che segue invece è basato su 11 operazioni direttamente collegate all’ambiente lavorativo di ogni giorno, usando hardware di vecchia generazione (Pentium II/III, hard disk EIDE).

Perché un altro benchmark?

Ho trovato due benchmark basati su kernel 2.6, ma entrambi hanno qualche mancanza. Benoit (2003) ha implementato 12 test usando file grandi (1GB+) su un PII@500Mhz con 512MB di RAM. E’ un test dal quale è possibile ricavare molte informazioni, ma è stato fatto agli albori della serie 2.6 del kernel ed è troppo focalizzato sulle aree che manipolano esclusivamente file grandi (multimedia, ambiente scientifico, database, etc.). L’altro test, di Piszcz (2006), ci presenta 21 task che simulano una varietà di operazioni su file, usando un PIII@500Mhz con 768MB RAM e 400 GB EIDE-133 hard disk. Questo test stressa abbastanza soddisfacentemente il kernel 2.6, ma dato che si basa su task “artificiali” (ovvero, copia e rimozione di 10000 directory vuote, etc.) potrebbe essere difficile ricavare delle conclusioni che valgano per un ambiente di lavoro “reale”.

Per tanto, l’obiettivo del presente benchmark è completare il lavoro di Piszcz (2006), focalizzondosi esclusivamente su operazioni classiche dell’ambiente di lavoro con file server di fascia bassa (vedere Descrizione dei Task, più avanti).

Configurazioni

* Hardware Processor : Intel Celeron 533
* RAM : 512Mb RAM PC100
* Motherboard : ASUS P2B
* Hard drive : WD Caviar SE 160Gb (EIDE 100, 7200 RPM, 8 MB Cache)
* Controller : ATA/133 PCI (Silicon Image)

* OS Debian Etch (kernel 2.6.15), aggiornata il 18 Aprile 2006
* Tutti i servizi opzionali stoppati (cron,ssh,samba,etc.)

* Filesystems Ext3 (e2fsprogs 1.38)
* ReiserFS (reiserfsprogs 1.3.6.19)
* JFS (jfsutils 1.1.8)
* XFS (xfsprogs 2.7.14)

Descrizione dei Task

Operazioni su file grandi (Immagini ISO, 700MB)
* Copia di un ISO da un secondo disco al disco di test
* Copia della stessa ISO in un’altra locazione del disco di test
* Cancellazione di entrambe le copie dell’ISO

Operazioni su un albero di file (7500 file, 900 directory, per un totale di 1.9GB)
* Copia dell’albero di file da un secondo disco al disco di test
* Copia dello stesso albero di file in un’altra locazione del disco di test
* Cancellazione dei entrambe le copie

Operazioni all’interno dell’albero di file
* Elenco ricorsivo di tutti i contenuti dell’albero di file e salvataggio dell’elenco sul disco di test
* Trovare file che corrispondono a una specifica combinazione di caratteri jolly

Operazioni su File system
* Creazione di un file system (mkfs) (tutti i FS sono stati creati con le opzioni di default)
* Montaggio del filesystem
* Smontaggio del filesystem

La sequenza di 11 task (dalla creazione del FS allo smontaggio dello stesso) è stata eseguita da uno script Bash che è stato completato tre volte (la media è riportata). Ogni sequenza è durata circa 7 minuti. Il tempo per completare un task (in secondi), la percentuale di CPU dedicata al task e il numero massimo e minimo di pagefault avvenuti durante l’esecuzione del task sono stati calcolati dall’utility GNU time (versione 1.7).

Risultati

Capacità delle partizioni

La capacità delle partizioni iniziale (dopo la creazione del file system) e residua (dopo l’eliminazione di ogni file) è stata calcolata come il rapporto tra il numero di blocchi disponibili e quello di blocchi totali di una partizione. Ext3 è risultato avere la peggiore capacità iniziale (92.77%), mentre gli altri file system preservavano quasi la totalità della loro capacità (ReiserFS = 98.33%, JFS = 99.82%, XFS = 99.95%). E’ interessante notare che la capacità residua di Ext3 e ReiserFS resta la stessa di quella iniziale, mentre JFS e XFS perdono circa lo 0.02%; ciò ci fa capire come questi FS possano crescere dinamicamente ma abbiano qualche (piccolissima) difficoltà a tornare esattamente alle condizioni iniziali dopo la cancellazione totale dei file.
Conclusione: per usare della capacità della tua partizione, scegliete ReiserFS, JFS o XFS.

Creazione del file system, montaggio e smontaggio

La creazione del FS sulla partizione di test da 20GB ha impiegato un esagerato 14.7 secondi per Ext3, in confronto ai 2 secondi (o meno) per gli altri FS (ReiserFS = 2.2, JFS = 1.3, XFS = 0.7).
Mentre per l’operazione di montaggio, ReiserFS impiega da 5 a 15 volte di più (2.3 secondi) rispetto agli altri (Ext3 = 0.2, JFS = 0.2, XFS = 0.5); è ancora ReiserFS a perdere durante lo smontaggio, con un tempo (2.3 secondi) che è due volte quello degli altri FS. Tutti i FS usano una quantità di CPU più o meno uguale per creare il FS (tra il 59% di ReiserFS e il 74% di JFS) e per montarlo (tra il 6% e il 9% di CPU). Per lo smontaggio, Ext3 e XFS impiegano 2 volte il tempo di CPU (37% e 45%) rispetto a ReiserFS e JFS (14% e 27%).
Conclusioni: per un veloce iter di crea/monta/smonta, scegliete JFS o XFS.

Operazioni su grandi file (immagine ISO, 700MB)

La copia iniziale di un file grande impiega di più su Ext3 (38.2 secondi) e ReiserFS (41.8 sec) confrontato con JFS e XFS (35.1 e 34.8 secondi). Ricopiare il file sullo stesso disco avvantaggia XFS (33.1 sec), confrontato con gli altri FS (Ext3 = 37.3, JFS = 39.4, ReiserFS = 43.9). La cancellazione della ISO è 100 volte più veloce su JFS e XFS (0.02 secondi per entrambi); ReiserFS impiega 1.5 secondi mentre Ext3 addirittura 2.5 secondi. Tutti i FS impiegano un tempo di CPU assimilabile per quanto riguarda l’operazione di copia (tra il 46 e il 51 per cento di CPU) e la ri-copia (tra il 38% e il 50%) della ISO. ReiserFS perde nettamente sulla cancellazione, dove impiega il 49% del tempo di CPU per cancellare la ISO, rispetto agli altri FS che impiegano circa il 10% della CPU. E’ chiaro che JFS tende ad usare meno CPU degli altri FS (circa il 5-10% in meno). Il numero minimo di page fault è abbastanza simile tra i FS (da 600 di XFS a 661 di ReiserFS).
Conclusioni: per operazioni veloci su grand file, scegliete JFS o XFS. Se vi interessa particolarmente minimizzare l’uso di CPU, allora optate per JFS.

Operazioni su un albero di file (7500 file, 900 directory, 1.9Gb)

La copia iniziale dell’albero è stata più veloce per Ext3 (158.3 sec) e XFS (166.1), in confronto a ReiserFS e JFS (172.1 and 180.1). Risultati simili sono stati osservati durante la ri-copia sullo stesso disco, che ha avvantaggiato Ext3 (120 sec) rispetto agli altri FS (135.2 per XFS, 136.9 per ReiserFS, 151 per JFS). La cancellazione dell’albero è 2 volte più lenta su Ext3 (22 sec), rispetto a ReiserFS (8.2), XFS (10.5) e JFS (12.5). Tutti i FS usano più o meno lo stesso tempo di CPU per l’operazione di copia (27-36%) e la ri-copia (tra il 29% di JFS e il 45% di ReiserFS) dell’albero di file. Sorprendentemente, ReiserFS e XFS usano molta più CPU per rimuovere l’albero di file (86% e 65%) rispetto agli altri FS (15% circa sia per Ext3 che JFS). Ancora una volta JFS mostra la sua tendenza a usare meno CPU di tutti gli altri FS. Il numero minimo di page fault è significativamente più alto per ReiserFS (5843) rispetto alla media degli altri FS (tra 1400 e 1490). Questa differenza sembra essere dovuta al più alto numero di page fault (da 5 a 20 volte in più) di ReiserFS durante le operazioni di ri-copia e cancellazione.
Conclusioni: per avere velocità nelle operazioni su alberi di file, scegliete Ext3 or XFS. Benchmark di altri autori consigliavano di usare ReiserFS per operazioni su file piccoli. Tuttavia, i risultati di questo test effettuato su un albero di file di varie dimensioni (10KB - 5MB) indicano Ext3 o XFS come più appropiati per operazioni “reali”. Nonostante JFS minimizzi l’uso di CPU, in questo caso lo fa offrendo una maggiore latenza sulle operazioni.

Elenco delle directory e ricerca file nell’albero di file precedente

L’elenco ricorsivo completo è stato prodotto più velocemente da ReiserFS (1.4 sec) e XFS (1.8); per Ext3 abbiamo un 2.5 sec mentre JFS sale a 3.1 sec. Risultati simili sono stati ottenuti durante la ricerca di file, dove ReiserFS (0.8 sec) e XFS (2.8) hanno mantenuto risultati migliori rispetto a Ext3 (4.6 sec) e JFS (5 sec). Ext3 e JFS hanno impiegato un tempo di CPU simile nell’elenco dei file (35%) e nella ricerca (6%). XFS impiega più tempo di CPU per l’elenco (70%) mentre ottiene un buon tempo di CPU nella ricerca (10%). ReiserFS si mosra come il più avido di CPU con un 71% per l’elenco e 36% per la ricerca. Ancora una volta, il numero minimo di page fault è 3 volte maggiore per ReiserFS (1991) rispetto agli altri (704-712).
Conclusioni: i risultati mostrano che, per questi compiti, i filesystem in esame possono essere raggruppati come “Veloci ma avidi di CPU” (ReiserFS e XFS) e “Lenti ma meno avidi di CPU” (Ext3 e JFS). XFS sembra un buon compromesso, con risultati relativamente veloci, uso della CPU moderato, e un accettabile frequenza di page fault.

Conclusioni generali

I risultati sono sulla stessa lunghezza d’onda delle osservazioni di Piszcz (2006) circa la ridottà capacità disco di Ext3, il lungo tempo di montaggio di ReiserFS e il lungo tempo di creazione di Ext3. In più, come in questo test, entrambi i benchmark citati all’inizio hanno osservato che JFS è il filesystem che usa meno CPU. Mentre questo benchmark sembra essere il primo a mettere in evidenza l’enorme quantità di page fault causati da ReiserFS durante le usuali operazioni su file.
Basandosi sui test fatti per questo benchmark, XFS sembra essere il filesystem adatto per un file server casalingo (quindi anche un desktop, ndNemo) o per una piccola azienda:

* XFS usa la capacità massima dell’hard disk
* XFS è il più veloce nella creazione/montaggio/smontaggio
* XFS è il più veloce nelle operazioni su file grandi (>500MB)
* XFS ottiene un ottimo secondo posto nelle operazioni su alberi di file con grandezze che oscillano tra il “piccolo” e il “moderato”
* XFS ha un buon rapporto tra utilizzo di CPU e tempo impiegato per le operazioni di elenco ricorsivo di directory e ricerca file
* XFS non è il FS meno avido di CPU, ma il suo utilizzo delle risorse resta accettabile per hardware di vecchia generazione.

Nonotante Piszcz (2006) non raccomandi esplicitamente XFS, egli conclude con “Personalmente, scelgo ancora XFS per le prestazioni e la scalabilità”. Posso solo supportare questa conclusione (e anche io, ndNemo).



Userbars: A tempo perso nel ho fatta qualcuna!

Come da titolo, mi sono divertito a realizzare qualche userbar da mettere come firma nei forum o ovunque si voglia. Eccole qui sotto:



Image Hosted by ImageShack.us

Image Hosted by ImageShack.us

Image Hosted by ImageShack.us

Image Hosted by ImageShack.us


Enjoy!

domenica, aprile 23, 2006

Windows Vista? Vediamo che ne pensano i dipendenti Microsoft



Image Hosted by ImageShack.us

Ho trovato questo articolo interessante e ve lo voglio proporre. Sono i pareri di alcuni programmatori Microsoft riferiti a Windows Vista.
La domanda sorge spontanea, sicuri che volete installare quel mega-virus di Vista sul vostro pc?


"Ero arrabbiato al pensiero di mancare le vendite della stagione del ritorno a scuola. Adesso mancheremo le vendite delle vacanze di Natale.
Tutti quei portatili e quei desktop avranno XP. In quanti poi passeranno a Vista? Beh, se avevo qualche piccola aspettativa su questo, mi sa che me la devo scordare."
(Questo post ha ricevuto oltre 450 commenti, molti dei quali da altri dipendenti. Qualcuno ha chiesto dimissioni importanti, di gente in alto.)

"Non siamo in grado di mandare nei negozi il nostro sistema operativo. Questo non è uno scherzo. Se non iniziamo a prendere decisioni radicali, questa azienda è finita."

"Bill, caccia fuori la mafia di Windows, o preparati a perdere la tua gente migliore."

"Questo è semplicemente inaccettabile. Non può essere reale. Questa non può essere Microsoft. Voglio vedere gente che viene licenziata. Ho bisogno di vedere gente cacciata fuori. Non capisco da dove possano arrivare le motivazioni, se non viene applicata un po' di giustizia."

"Se questa azienda è un disastro, la colpa è NOSTRA. Sapete chi è responsabile di questo casino. Siamo NOI. Assumiamoci le nostre responsabilità e smettiamo di giocare alle vittime. E' patetico. Lavoro qui da dieci anni, mi sento triste e mi vergogno.
Ho appena consegnato la mia lettera di dimissioni, non a causa di questo macello. Ho trovato una opportunità migliore di Microsoft ed ero stanco degli stipendi schiacciati verso il basso così come il sistema di valutazione. Così ora parlo non più da azionista e dipendente, ma da semplice azionista: per favore, cambiate i dirigenti della divisione Windows."

"Se aveste passato gli ultimi cinque anni della vostra vita a smadonnare per riuscire a fare uscire questa cosa [Vista. N.d.R.], sapresta che l'unica cosa peggiore del ritardare la data di uscita è passare agosto dentro un letamaio. Chi di noi è in trincea a lavorare sa perfettamente che bachi ci sono da risolvere tra adesso e l'uscita."

"Dovremo vivere con la base del codice di Vista per un tempo lungo, molto lungo. Questa è la cosa giusta da fare per il prodotto. Ci saranno problemi di mancati guadagni nel breve periodo, problemi con gli azionisti nel berev periodo, problemi di quotazione in Borsa nel breve periodo, e se esiste un briciolo di giustizia rotoleranno delle teste. Ma nel lungo periodo, a due, tre, cinque anni da oggi, questa è stata l'azione giusta da giocare."

Microsoft ci ha abituati ai ritardi e alle imperfezioni del codice e, in fondo, un baco più o un baco meno non sono certamente il problema. Ma vorremmo veramente sapere come vanno le cose dentro l'azienda e a che punto è il morale. Perché la mancanza di entusiasmo è molto peggio della mancanza di sicurezza nel firewall.



Articolo tratto da Hacker Journal e Micke Blog.


mercoledì, aprile 19, 2006

Nuovo Set di Icone per KDE creato da me!

Era parecchio tempo che cercavo un un bel set di icone per il mio Kde. Ne ho provati tantissimi ma nessuno mi andava bene fino in fondo, ognuno aveva delle cose che mi piacevano ma altre no. Ho deciso, armato di santa pazienza, di crearmi un tema che mi piacesse fino in fondo e così è nato il "Crystal Vista XT Paolo Icon Mod" !

Lo potete trovare a questo indirizzo cliccando QUI.



Graditi commenti e/o suggerimenti! Se volete votate pure!


Nuovo Update di GNU/Linux Debian Sarge!


Image Hosted by ImageShack.us

Martin Schulze has announced the release of a second revision of Debian GNU/Linux 3.1 "sarge": "This is the second update of Debian GNU/Linux 3.1 (codename 'sarge') which mainly adds security updates to the stable release, along with some corrections to serious problems. Those who frequently update from security.debian.org won't have to update many packages and most updates from security.debian.org are included in this update. Please note that this update does not produce a new version of Debian GNU/Linux 3.1 but only adds a few updated packages to it." Read the rest of the release announcement for a complete list of changes. The updated release is available from ftp.debian.org and many Debian mirrors around the world.

DVD+RW, pronta la specifica da 8,5 GB

Il DVD+RW, il formato DVD che rivaleggia con lo standard -RW del DVD Forum, aggiunge alle proprie specifiche quella per i dischi riscrivibili a doppio layer. Come i già affermati supporti registrabili (DVD+R) double-layer (DL), i DVD+RW possono memorizzare fino a 8,5 GB di dati.

Secondo quanto riportato da fonti giapponesi, la specifica DVD+RW DL 1.0 è stata approvata dalla DVD+RW Alliance verso la fine della scorsa settimana. Questa prima versione della specifica prevede una velocità massima di scrittura di 2,4x, ma all'orizzonte c'è già l'upgrade a 4x. Il formato prevede anche supporti da 8 centimetri di diametro con capacità di 1,5 GB.

Allo sviluppo dello standard DVD+RW DL hanno lavorato HP, Mitsubishi, Philips, Ricoh, Sony, Thomson e Yamaha. Nessuna di queste aziende ha tuttavia ancora annunciato prodotti basati su questa specifica. I primi supporti DVD+RW DL dovrebbero tuttavia raggiungere il mercato entro il prossimo autunno ad un prezzo superiore ai 15 dollari.

La DVD+RW Alliance è stata la prima, nel 2003, ad includere nel proprio standard registrabile la specifica DVD9: il maggiore contributo allo sviluppo della tecnologia DVD+R DL è stato dato da Philips e da Mitsubishi Kagaku Media (che possiede il noto brand Verbatim).

I DVD a doppio layer hanno una sola faccia registrabile e due strati (layer) di materiale organico. Per leggere e scrivere i dati, le unità DVD devono focalizzare il laser su uno dei due strati: questo è possibile perché il primo strato è semitrasparente e, quindi, può essere attraversato dal raggio laser.

Il DVD Forum non ha ancora finalizzato una specifica per i dischi DVD-RW a doppio layer.

Fonte: Punto Informatico

martedì, aprile 18, 2006

Xorg 7 Nei Repository Debian Sid

Torno dalle "vacanze" di pasqua e noto con piacere che finalmente hanno inserito Xorg 7 nei rep Debian Sid! Sarà meno problematico installare XGL a questo punto!

venerdì, aprile 14, 2006

Diminuire il consumo di Ram di Firefox più diversi Hack

Firefox è un gran bel browser. Ricco di funzionalità. Estensioni che spuntano da ogni dove. Temi fino all'esaurimento. Il problema maggiore ? Il consumo di ram. Meno male che about:config è nostro amico.

There has been a lot of news flying around and I have simply not had the time to write about it, the last couple of days have been very busy, expect a flurry of articles in the coming days. Now lets explore the wonder that is known as Firefox.

Over the last few months I have noticed people complaining about Firefox and the memory ‘leaks’ and how much memory Firefox hordes for itself. I guess for some people the 40-60Mb of ram that Firefox is sitting on is expensive, but for me, Firefox doesn’t get close to touching my gig of ram, but for those performance nuts that like to do SuperPI runs while browsing the internet, this guide is for you. I have spent days and days (edit: hours) scouring the internet for all the tweaks, hacks, hax, plug-ins, extensions, and tricks that let you eke out every bit of performance and efficiency from Firefox. First off, the hacks.

Minimize Hack

The first hack that I have here is the popular Firefox Minimize Hack that has recently flashed through the internet. The purpose of this hack tries to keep Firefox from eating up your physical RAM and instead puts the burden on your hard drive, or at least that is the general reason behind it. To implement this hack, perform the following steps.

1. With Firefox up and running, type about:config and hit enter.
2. Right click on the new page and select New -> Boolean.
3. In the pop-up window, type in “config.trim_on_minimize” without quotes and hit enter.
4. In the next pop-up window, select True and hit enter.
5. Restart your browser

With that done, open up a bunch of tabs and monitor the memory usage. In my first run without this hack, Firefox was using 137.8 Mb of Ram. With all 30 tabs open again, Firefox was using 118.4 Mb, but when minimized this dropped to an astounding 4 Mb. However, this was too good to be true, I left Firefox minimized and came back 12 minutes later and the memory use had slowly creeped up to 42.4 Mb. While this was 10 times larger than the initial 4.2 Mb, I was still saving about 75 Mb. One note about this, the memory was still very slowly creeping up by about 1 Mb per minute, maybe more or less per minute, but either way it was still creeping. I would have liked to test to see if it would creep up to the original 118.4 Mb but that would have required more than an hour and I am impatient. Another note, when I had Firefox maximized it was using 66 Mb with Flickr.com as the main tab, but 119 Mb when I quickly browsed through all my tabs and then quickly retreated back down to 66 Mb. I don’t know what causes this, but either way, for the most time it was using 66 Mb. The verdict: useful and free with no downloads.

Back Button Hack

The next hack deals with Firefox’s Cache. Whenever you jump around the Internet, Firefox caches your previous pages to make your internet browsing blazing fast. However this causes Firefox to consume memory that you may not ever need to use. To implement this hack, perform the following the following steps.

1. With Firefox up and running, type about:config and hit enter.
2. Find “browser.sessionhistory.max_total_viewers” and instead of the -1 setting, change it to 0 and hit Enter.
3. Restart your browser.

Before using this hack I went to Cnn.com and entered 10 different articles but never touched the back button, just using links. Upon the 10th article, Firefox was using 41Mb. I performed the hack and performed the same step by visiting the same sites with a cleared Cache, and memory usage was down to 33.7 Mb. This value never changed even after a few minutes left idle on the final page. Verdict: not a large saving with a slight decrease in browser rendering speed, worth it if you are ram limited.

Network Hack

This next group of hacks all relate to the network.http group in about:config. Basically these various options open up your network connection to Firefox, permitting it to access information online as quickly as your connection will permit you. Since the majority of my readers utilize broadband connections, this will benefit you, 56k you are tough out of luck, sorry. To implement these hacks, perform the following steps.
1. With Firefox up and running, type about:config and hit enter.
2a. Find the entry called “network.http.pipelining” and set it to “true”.
2b. Find the entry called “network.http.proxy.pipelining” and set it to “true”.
2c. Find the entry called “network.http.pipelining.maxrequests” and set it to 16-32, but beware, if set too high you may risk banning yourself from various servers by being mistaken for a DoS attack.
3. Restart your browser.

Even though I am sitting on Georgia Tech’s campus with a blazing fast 100Mbit connection, it seems like with these options enabled, webpages load faster, pictures in particular. When I went to Flickr.com and started clicking around, all the pictures loaded at one time unlike how it used to load a picture at a time. Either Flickr enabled a quick optimization between me closing and opening Firefox, or this trick works. Either way, it hasn’t hurt my connection at all. Verdict: Causes pictures to load very fast, but I do see an increase in network activity, more spikes than constant travel with each pageload.

Cache Hack

This next hack deals with the memory Firefox uses as cache. In the default setting, Firefox will adjust the cache size to fit however many pages you have open. While this is useful, if you tend to only have a few pages open at a time, you can manually reduce the setting to a specified amount at the cost of reducing performance when Firefox runs out of cache. To implement this hack, follow these steps.

1. With Firefox up and running, type about:config and hit enter.
2. Right click on the new page and select New -> Integer.
3. In the pop-up window, type in “browser.cache.memory.capacity”. In the following pop-up window, specify how many Kb of ram you want to dedicate to the cache, I selected 32768(32Mb). I suggest a number between 16Mb and 64Mb, anything lower and performance will suffer, anything higher is excessive. Here you should experiment, or don’t bother if it worries you.
4. Restart your browser

I don’t know how much this helps or hurts performance, so far with 32Mb enabled I have yet to see a major difference, memory use dropped from 42Mb to 39Mb with the same pages open, but I don’t think this hack is what did that. Verdict: not sure if it is useful at all.

Download Manager Hacks

This next group of hacks deal with the download manager in Firefox. For those of you that don’t use the Firefox download manager, skip this section. I don’t know about you, but I personally hate the download manager, it is annoying and generally a distraction when it pops up with its messages and warning, so, let’s do away with it. Follow these steps to tweak/destroy your manager.

1. With Firefox up and running, type about:config and hit enter.
2. Take your pick of the following attributes to modify.
3a. browser.download.manager.showAlertInterval at default shows the alert message for 2000 milliseconds or 2 seconds. I personally set it to 500 milliseconds; all I need is a quick blurb telling me my download is done.
3b. browser.download.manager.openDelay at default opens up the download manager immediately, which can be a big pain if you are downloading 10Kb files to your desktop, you don’t need that annoying manager to pop up. I have this guy set on 30,000 milliseconds or 30 seconds. If a file is larger than 30 seconds of download time, I might want to watch its progress.
3c. browser.download.manager.closeWhenDone at default is set to false so that your manager doesn’t close itself. I set it to true just to get this thing out of the way the moment it is done, I like to watch progress, but I don’t need to waste space or the time to close it.
3d. browser.download.manager.flashCount at default flashes the download manager icon in your taskbar for 2 seconds, I prefer zero seconds to reduce annoyance, adjust to your preference.
4. Restart your browser.

These hacks are just my personal preference, you may like it just the way it is, or you may want to do more. Browse through the about:config and you’ll find tons of stuff to tweak. Verdict: personal preference, doesn’t increase performance, maybe productivity.

This last hack is less of a hack and more of a good habit you should pick up. I tend to clear my cache and download list at least once a week, sometimes more often. This will usually increase performance and it will also update all content, but on a slow connection this could hurt your performance, especially if you have pictures loaded in your cache that don’t change. Do this at your own digression.

Extensions

Extensions are what make Firefox great, you can customize to your hearts content by adding extensions. The following list are the extensions that I use.

Fission

This extension places a page status bar over the address bar which creates a cool effect and also lets you know how much of the page is left to download. Useful for slower connections and just plain cool.

This is definitely the coolest extension I have seen. You know that cool thing that OSX does that lets you view all your currently open programs in little thumbnails? Well this does the same thing, but for your tabs! When I am writing an article, coding CS, or doing something else that requires lots of back and forth movement, this saves me a lot of time from having to ctrl-tab or click on tabs. To get to know reveal, take the quick 30 second tutorial that prompts you upon restart. I highly recommend this extension.

TabX is another great productivity increaser. I know whenever I have more than 2 tabs open and I am trying to select the last guy or close a tab, I mistakenly close the tab instead of click on the correct tab, causing me to close an incorrect tab. With TabX each tab gets an individual X which works when you have fewer than 10 or so tabs. Once you get to about 15 tabs, the X’s take up too much space, so use this at your own digression, I find it useful.

Who likes free online storage? I do and I’m sure you do too. This extension turns those 2+GB that Google has given to each of their users into 2GB of online storage. I find this as a great way to transfer files between computers with no need for a jump drives. While I don’t know how secure this extension is, I find it nice when I don’t want to carry a jump drive around, but nothing beats having a FTP server.

IE Tab

This causes Firefox to render a page with an embedded Internet Explorer within your Firefox window. I use this specific extension whenever a page renders terribly in Firefox. I wish they made an extension for Safari that would let you guys render my page in Firefox, sorry! Very useful when a page loads terribly. Be warned though, IEtab has a known memory leak but they are working on fixing it.

This extension was called in by Stu and it offers even more features than TabX and Fission. It puts “x” buttons on every tab, shows a loading status bar on each tab, lets you manipulate you add various properties to your tags, and the title goes red if the page has loaded and you haven’t checked up on it since it loaded. There are a bunch of featurs in Tab Mix Plus and if TabX isn’t enough for you, grab Tab Mix Plus.

Some people on Digg.com mentioned this extension, which I have used before. Fasterfox lets you tweak everything I mentioned in the networking about:config and a few other options. I originally didn’t include Fasterfox because it tweaks a few things that could possibly slow down Firefox, such as the initial paint delay. On a side note, some admins on various servers started banning the Fasterfox prefetch routine and some have gone to the extent of IP banning, so be careful with what you install.

That about wraps everything up here, while I didn’t even touch the tip of the iceberg that is “about:config” I hope I will have managed to prod you in the right direction. I am very satisfied with the results from doing all of these hacks and using these extensions, they make using Firefox so much more enjoyable. I cannot promise that you will witness the same results, but for me they worked and I am happy. If you have anything to add, feel free to drop a comment and I will correct or add what you have to say.


http://gomeler.com/2006/04/10/firefox-tweaks-extensions-and-optimizations/

mercoledì, aprile 12, 2006

Guida alla costruzione di una Bi-bi-Quad antenna con un CD spindle

Guida presa da http://www.baslug.org/vega/index.php?p=wifi

Lista della spesa:
- Cd-Spindle ( da 10 cd va bene );
- Rame (anche ottone) di spessore 1,5 - 2 mm di circa 25 centimetri;
- Cavo coassiale RG 58 oppure RG 174;
- Un paio di pinze,
- saldatore,
- lima rotonda,
- silicone o colla a caldo

Iniziamo a costruire:

Bene, per costruire l'antenna Bi-bi quad con cd spindle non sono necessari particolari attrezzi, solo un po' di precisione nel piegare il tondino di rame o ottone ( se utilizzate quest'ultimo dovreste porre un po' di attenzione, essendo meno duttile del rame potrebbe spezzarsi nel piegarlo).

La prima cosa da fare e' piegare il tondino di rame aiutandosi con delle pinze a beccuccio stretto.
Segnate sul tondino ogni 29 mm in modo da sapere esattamente da dove iniziare a piegare.



Iniziamo a piegare il tondino di 90 gradi precisi, come da figura successiva.



Una volta segnato possiamo iniziare a piegarlo facendo attenzione di mantenere la pinza che fa morsa sul tondino qualche millimetro piu' indietro del segno; in modo che piegando il tondino non si ottengano misure imprecise.



Devi fare attenzione nel piegare precisamente il tondino in modo da rispettare le misure riportate in figura.

Ovvero la larghezza interna deve essere di circa 29 mm mentre esternamente deve misuarare circa 31 mm
Adesso via via piega il tondino in modo da formare una specie di 8



Una volta completato il primo quadrato inizia a costruire il secondo, facendo attenzione che le ultime due estremita' corrispondano alla fine.
La struttura dovra' inoltre non dovrebbe essere dritta orizzontalmente, ti suggerisco una volta finita di piegarla, di poggiarla su un piano e controllare che nessuno spigolo si alzi notevolmente rispetto al resto della alla struttura.



Bene adesso mettiamo un po' di stagno nei punti in cui le due estremita' dei quadrati si incontrano, come da prossima figura.



Mettendo lo stagno su i due punti assicurati che non si uniscano tra loro. come da foto succesiva



Adesso salda il cavo RG 58 / RG 174 in questo modo:
Calza punto in cui il tondino e' continuo;
Polo centrale dove il tondino non e' continuo, ovvero dove gli estremi del tondino si sono uniti piegandoli.
Come da esempio



Ok adesso occupiamoci del cd spindle
Taglia lo spindle a circa 18 - 19 mm dalla base di plastica



Alla fine dello spindle con una lima fai delle canalette dove appoggiare la nostra bi-bi quad come da figura



Bene adesso poggiamo la nostra bi-bi quad nelle scanalature appena create, facendo attenzione che deve essere perfettamente parallela alla base di plastica e che deve rimanere a circa 16 mm



Prima di fissare con la colla a caldo l'antenna al supporto di plastica, ricordiamoci di inserire nello spidle un cd rovesciato, in modo che "rifletta" l'antenna ed il segnale.



OK adesso non rimane che sigillare la punta dello spidle con un po' di colla a caldo o silicone



Ora non ci rimane altro che bloccare il filo dall'apertura posteriore in modo da non avere problemi di dissaldature del filo.
Un po' di colla a caldo o silicone fa al caso nostro...




La nostra nuova antenna e' pronta!!!


Doping al nostro Access Point

Articolo preso da:
http://micke84.altervista.org/index.php?mod=read&id=1144092513
http://www.napoliwireless.net/
www.hackerjournal.it


Le prestazioni del nostro collegamento WiFi ci deludono? Mettiamo il turbo al nostro Access Point usando cartone e domopack.


WiFi è bello, ma viene subito voglia di farlo funzionare meglio. Soprattutto quando ci sono da superare ostacoli o vogliamo raggiungere una distanza maggiore.
Molto spesso è inutile inondare di frequenze WiFi tutto il vicinato, ma ci serve un fascio direzionale che abbia abbastanza potenza da superare muri di spesso cemento armato o riesca a collegare due punti più distanti tra loro.
Il trucco è semplice: rendiamo direzionale l'antenna, o le antenne, dell'access point che irraggia il segnale.
Per farlo basta poco: dobbiamo costruirci uno schermo metallico che faccia da riflettore del segnale, direzionandolo e concentrandolo in un fascio orientabile.
Per i più tecnici: il nostro riflettore è in grado di far guadagnare circa 11 decibel e concentra il raggio in un fascio di circa 60° in altezza e ampio circa 40°.

:: Il materiale utile
Tutto sta nel creare una specie di specchio angolare che rifletta le frequenze di 2,4GHz del sistema WiFi.
Nel nostro caso l'access point è dotato di due antenne separate e quindi costruiamo due riflettori identici. Per una sola antenna, ovviamente, ne basta uno.
Per farlo prendiamo:
o Cartone (quello delle confezioni delle riviste di computer va più che bene);
o Colla in stick;
o Rotolo o fogli di alluminio, stile Domopack;
o Righello e forbici.
Per ogni antenna ritagliamo un angolo di cartone fatto da una striscia alta 12cm e lunga circa 24cm, che poi pieghiamo a metà formando un angolo di 90°.
Se abbiamo due antenne separate, per le dimensioni esatte è meglio che prendiamo la misura tra le due antenne messe in posizione verticale. Quella è la lunghezza di ciascun cartone. L'altezza è la metà della misura presa.
Prima di piegarlo, ricopriamolo bene con un foglio di alluminio che incolliamo con lo stick di colla per carta su entrambe le facce. Facciamo un lavoro fatto bene, senza lasciare pieghe e protuberanze nell'alluminio: deve essere ben steso.

Ricopriamo con il foglio di alluminio un cartone di circa 24cm x 24cm, incollando bene e senza fare troppe pieghe. Quindi pieghiamolo esattamente a metà.Doping Access Point

Con un altro pezzo di cartone creiamo un quadrato di circa 10cm x 10cm a cui faremo sporgere delle linguette da incastrare in tagli che faremo appositamente, a metà altezza dell'angolo di domopack. Buchiamo al centro il pezzo di cartone quadrato per fare passare l'antenna, in modo che sforzi un po' e sorregga il tutto.

Doping Access PointGli strumenti necessari sono: forbice, cartone, foglio di alluminio e colla. Se abbiamo due antenne dovremo costruire due riflettori ad angolo, uguali.

Un altro buon metodo è procurarci un pezzo di gommapiuma o di polistirolo espanso, spesso almeno due centimetri, e incollarlo dentro il riflettore, infilandoci l'antenna. Così otterremo una maggiore stabilità e quindi una maggiore precisione di puntamento.

:: Regolazioni
E' venuto il momento di provarlo. Infiliamo i due riflettori nelle antenne, facendo passare per il buchetto centrale. Puntiamoli entrambi nella stessa direzione, più o meno verso l'antenna del pc che deve ricevere segnale, per quanto sia distante.
Se siamo da soli e abbiamo due radioline tipo walkie-talkie possiamo procedere così: accendiamone una nella posizione viva voce e sistemiamola vicino all'altoparlante del computer.
L'altra la lasciamo in ascolto vicino all'access point. Sul pc installiamo e avviamo il software NetStumbler, con l'opzione dei suoni MIDI attiva. Così il pc emette un suono tanto più acuto quanto migliore è la ricezione del segnale WiFi. Rechiamoci di nuovo vicino all'access point e ascoltiamo nell'altra radiolina il suono emesso dal pc distante. Muovendo molto lentamente e in tutte le direzioni i nostri riflettori, troveremo un punto in cui il suono si fa più acuto: complimenti, abbiamo trovato la direzione e l'inclinazione che meglio trasmette il segnale al nostro pc distante.

Doping Access Point
L'access point che abbiamo utilizzato ha due antenne uguali.
Normalmente è usato così, ma il segnale è irradiato in tutte le direzioni.

Due Guide utili per il WIFI fai-da-te

Ho trovato online 2 guide interessanti ruguardo la wifi, in particolare su come costruirsi una una antenna più potente e come aumentare la potenza del segnale del proprio access point. Da quello che ho capito non sono a norma di legge in quanto la potenza massima ammessa per legge è di 100mW pari a 20dB di segnale EIRP mentre in questo modo lo superiamo. In ogni caso, legget può essere interessante!

Nuovo Router WIFI Netgear DG832GT a 108Mbts Adsl2+!

Torno a scrivere sul Blog dopo giorni di assenza! Sono stato alcuni giorni senza modem perchè ho ordinato un router nuovo da pixmania che ci ha messo più di "2-3 giorni" previsti. Ecco il mio nuovo netgear DG832GT a 108Mbts Adsl/Adsl2+ !


Image Hosted by ImageShack.us

venerdì, aprile 07, 2006

Aggiornamento Guida XGL e XORG7 con Debian Sid


Risolto problema con aMsn. Basta copiare il file /etc/X11/rgb.txt in /usr/share/X11 o creare un symlink.


Kaffeine (xine) non riusciva a riprodurre filmati come divx a schermo intero con un framerate decente. Ho pensato subito alla mia cpu non molto veloce ma ho risolto impostando il motore di rendering su OpenGl.

Cedega non funziona più, credo sia un problema relativo a wine. Anche i giochi (UT2004) hanno dei bei problemi, sopratutto in termini di prestazioni. Credo dipenda dalle OpenGl che sono utilizzate da X. Vi terrò informati.

Problema più grave con dipendenze, in particolare quando provo a installare o disinstallare qualche programma con apt-get, mi chiede di disinstallare tutto kde. Vi terrò informati anche su questo.

Non male come inizio!

1800 visite in 3 giorni, Grazie a tutti! :)

mercoledì, aprile 05, 2006

RR4/RR64 Linux powered by XGL e XORG 7

Non tutti conoscono questa ottima distro linux basata su Gentoo realizzata dall'italianissimo Fabio Erculiani, la RR4 e la RR64 (rispettivamente per processori 32bit e 64 bit). In questa nuova release è compreso il supporto nativo a XGL sia per Kde 3.5.2 sia per Gnome 2.13.2.
La distro è aggiornatissima e molto apprezzata dal pubblico (23esimo posto su Distrowatch). E' possibile usarla live o installarla sul proprio sistema.

Il sito ufficiale è: http://www.lxnaydesign.net


Alcune caratteristiche:

2.6.16 Kernel (gentoo-sources-2.6.16 with Reiser4 patches)
Glibc 2.3.6 optimized for AMD64 using these patches )

GCC 4.0.2
performance level (everything recompiled)
XGL and Compiz (0.0.7 - opacity plugin included) for both GNOME and KDE (boot with "gentoo xgl" or "smp xgl")
Latest Proprietary drivers from ATi (8.22.5) and nVIDIA (8178)

X.Org 7.0.1 with every input and video driver included

KDE 3.5.2 - GNOME 2.13.2 - XFCE 4.2.3 - Fluxbox 0.9.14
Optimized Fontconfig (2.3.94) for better KDE performance
Gstreamer 0.10

amaroK 1.4 beta 2

Kuroo 0.80_rc2 as the default Package Manager

NX Server and NX Client included

VMWARE Server support

A lot of bug fixes (thanks to users' feedback)

32bit Java and Firefox available out of the box

Complete Multimedia support and DVD support

XsistenCe mode (External USB storage device + RR64 = your data and settings everwhere)


Se volete aiutare il progetto, Fabio sta cercando fondi per comprare un Athlon 64 4800+ per migliorare la proprio distro in maniera più veloce ed efficiente, il link è QUESTO.

XGL: Nuovi repository e nuovo Compiz + Plugin

E' online un nuovo forum tutto dedicato alle nuove release di Compiz + diversi plugin.
(ringrazio d3mon per la segnalazione)


Il link in questione è il seguente: http://compiz.ed3n.com

Tra le notizie interessanti segnalo i nuovi repository da sostituire a quelli vecchi (l'autore è sempre lo stesso) che sono:

deb http://xgl.compiz.info/ dapper main

deb-src http://xgl.compiz.info/ dapper main


e una nuova versione di Compiz da aggiornare alla precedente. Personalmente non ho ancora aggiornato compiz ma a questo punto non serve più scaricare il tar.gz con i deb per xgl, xorg7 e compiz.

martedì, aprile 04, 2006

Screenshot del mio Desktop con XGL



Vi posto qualche screenshot del mio desktop!

(cliccare sull'immagine per ingrandire)












domenica, aprile 02, 2006

[TUTORIAL] AIGLX (XGL) + DEBIAN SID + Nvidia beta + Compiz (Beryl) + kde + gnome


Guida all'installazione di AIGLX su Debian SID con KDE 3.5.5.
[Last Update: 5/11/2006]




Il mio Pc:
Athlon XP 1500+
640 Mb Ram DDR266
Nvidia Geforce 3 driver 90.25 beta
Debian Sid, kernel 2.6.18, Kde 3.5.5



La guida si è spostata al seguente indirizzo sul mio nuovo sito!
Clicca QUI per accedere alla guida!

www.paolinoland.it

Debian SID & KDE 3.5.2 con XGL !

Ebbene si, sono riuscito oggi a mettere XGL su Debian Sid e Kde 3.5.2 ! A breve pubblico una guida su come fare! Stay Tuned!

XGL su Debian Sid e Kde? Vediamo che esce fuori...

Sto provando a mettere quel dannato XGL sulla mia Debian Sid con Kde 3.5.2 . Aggiornerò XORG 7 dai rep Ubuntu, speriamo di non fare troppi danni!
Stay Tuned!

sabato, aprile 01, 2006

Linus Torvalds è diventanto un Debian Developer

Linus TorvaldsNo, non si tratta dell'ennesimo scherzo per il primo di Aprile (quelli di quest'anno bastano e avanzano): Linus Torvalds ha superato l'iter per diventare Debian Developer e si occuperà principalmente dei pacchetti relativi al kernel Linux distribuito in Debian (maddai, pensavo si sarebbe occupato di kFreeBSD :D ).

Nel suo blog, Linus ha dichiarato, inoltre, che collaborerà strettamanete anche con Ubuntu, senza, ovviamente, smettere di aiutare le altre distribuzioni.

[via DebianPlanet]

[edit] Purtroppo si trattava solo di un pesce d'aprile! Ahi ahi ahi! :)