Linux Warlord Blog -www.linuxwarlord.tk-





lunedì, maggio 22, 2006

Joey de Maio al Gods of Metal 2006

Un po' OT ma non fa nulla!

In occasione della decima edizione di Gods Of Metal, il leader dei MANOWAR, Joey De Maio, presenzierà al festival nella giornata di sabato 3 Giugno. Joey salirà sul palco nell'intervallo tra l'esibizione dei Def Leppard e quella degli Whitesnake, per un un saluto speciale a tutti i metal kids italiani e per un annuncio molto importante che riguarda i MANOWAR.

La presenza di Joey è particolarmente gradita in quanto è con i MANOWAR che questo festival è nato ed è un onore per noi ospitarlo alla decima edizione di Gods Of Metal.


Qualcuno ha nominato Ross the Boss? staremo a vedere...

domenica, maggio 21, 2006

Boicottiamo le stampanti Epson

Preso da un forum:

"Amici l'altro giorno è capitata una cosa incresciosa ad un mio collega di lavoro con la sua stampante EPSON.
Mi sono recato a comprare un kit di ricarica per la mia C84 e 10 cartucce compatibili C66 per lui, spinto da un prezzo totale di molto al di sotto rispetto alle cartucce originali.
Portato a casa il tutto consegno le cartucce al mio collega che al suo arrivo a casa nella pausa pranzo mette nella stampante, fa un ciclo di pulizia e poi uscito il 2° foglio di prova accade l'incredibile.........
La stampante (che per la cronaca ha circa 1 anno di vita) si blocca completamente si accendono tutte le luci ad intermittenza sul dorso della stessa e non ne vuole + sapere di andare.
Contemporaneamente sul monitor del pc esce una scritta sconfortante che sinteticamente suggerisce di portare la macchina a far riparare poichè ALCUNE PARTI USURABILI DELLA STAMPANTE HANNO RAGGIUNTO LA FINE DEL LORO CICLO VITALE.
Per scrupolo chiamo il negozio (di cui non faccio il nome per la sua sicurezza) e chiedo spiegazioni. La ragazza mi dice che è già successo a molti dei suoi clienti, in sostanza la EPSON all'interno di alcuni modelli recenti delle sue stampanti inserisce una specie di contatore di flusso di lavoro, che una volta arrivati al tetto fissato da loro INGANNA I CLIENTI DICENDO CHE LA STAMPANTE SI E' GUASTATA.
Il loro tecnico mi ha dato questo indirizzo da cui scaricare un software (un utility di stampa molto più professionale) che dopo averlo installato e configurato ha delle voci che resettano l'hardware della stampante riportandola in vita senza doverla dare all'assistenza EPSON.
http://www.ssclg.com/epsone.shtml
Il software è 400kb circa ci sta su un floppy.............per la cronaca il negozio in questione ha già avuto a che fare con la EPSON in passato, la casa madre voleva denunciare il presidente dell'esercizio quando ai suoi clienti suggeriva di resettare con un resetter le cartucce originali............perchè in realtà NON SONO VUOTE QUANDO ESCE L'AVVERTIMENTO MA SI STAMPANO ANKORA 50 FOGLI A4.
Insomma la EPSON cade sulla buccia di banana,non si fa scrupoli a fregare il cliente sia sui consumabili che sull'hardware. EPSON CHE FIGURACCIA."

giovedì, maggio 18, 2006

Java sarà Open Source

News Linux


L'annuncio è di quelli che fanno notizia e la società sta già pensando alle modalità del cambiamento.
Lo hanno comunicato a San Francisco Jonathan Schwartz e Rich Green due tra i massimi esponenti della Sun al JavaOne, evento che annualmente raccoglie gli sviluppatori che lavorano al linguaggio.
Il CEO del gruppo, Jonathan Schwartz, ha dichiarato che "rendere open source Java non significa limitare gli introiti ma limitare le barriere agli introiti".
Schwartz ha infatti portato come esempio l'esempio di Solaris che con OpenSolaris ha portato a una crescita sorprendente del progetto.
Saranno open source, ovviamente, anche altri progetti della Sun come Sun Java Studio Creator; Java sarà presente inoltre nelle prossime release di vari vendor Linux come Ubuntu, Debian e Gentoo.

Fonte notizia: DGmag.it

domenica, maggio 14, 2006

Compilazione del Kernel alla Debian-Way

Visto le numerose guide che si trovano online, a volte non molto chiare (almeno per me) mi sono deciso a scrivere questa mini-guida per la compilazione del kernel con il metodo Debian.
Guida derivata dal wiki di Debianizzati.org e altri siti.



La Guida si è spostata nella mia nuova Homepage QUI


www.paolinoland.it

sabato, maggio 13, 2006

RR64 3.0 RC1 rilasciata!

RR64 Linux Logo
3.0RC1 (codename: may the power be with us)

RR64 Linux is the World's most complete GNU/Linux distribution based on Gentoo unstable. Flexibility, Beauty, Stability and Extreme Performance are all hallmarks of the RR64 experience². Welcome to a new dimension...

Features:

  • Greatly improved stability and functionality

  • 2.6.16.11 Kernel (reiser4-gentoo-sources-2.6.16-r3) and Glibc 2.4

  • KDE 3.5.2 - GNOME 2.14.0 - XFCE 4.2.3 - Fluxbox 0.9.15

  • Gstreamer 0.10.4 and amaroK 1.4 beta 3 (with iPod support)

  • Out of the Box USB DVD Boot Support and out of the box USB HD Installation Support
  • GCC 4.0.x performance level

  • Latest XGL and Compiz from CVS for both GNOME and KDE (boot with "gentoo xgl" or "smp xgl")

  • Latest Proprietary drivers from ATi (8.24.8) and nVIDIA (8756)

  • X.Org 7.0.1 and optimized Fontconfig (2.3.94) for better Font performance

  • Kuroo 0.80.1 as the default Package Manager

  • NX Server and NX Client included (1.5.0)

  • VMWARE SCSI Hardisk support

  • 32bit Java and Firefox available out of the box

  • Complete Multimedia support

  • XsistenCe mode (External USB storage device + RR64 = your data and settings everywhere)


Questo significa avere una distro a 64 bit già pronta per l'uso, basata sula velocissima Gentoo, aggiornatissima con tutti i programmi come Java, Flash, W32 Codec che danno problemi sui sistemi a 64 bit. Ottimo lavoro fatto da un italiano, Fabio Erculani.

http://www.lxnaydesign.net/

giovedì, maggio 11, 2006

Hard Disk online a portata di click!

Non ti è mai capitato di pensare alla possibilità di avere un hard disk online, direttamente accessibile da qualunque PC collegato ad Internet?

L'Online Storage sta suscitando parecchio interesse sia tra gli utenti, che possono finalmente disporre di uno spazio sempre accessibile per archiviare i propri file, sia tra i fornitori di servizi Web che hanno trovato un nuovo filone sul quale puntare ed investire.

Soltanto per fare un paio di nomi possiamo citare Google (in riferimento a GDrive) e Microsoft (che lancerà a breve Live Drive), ma io preferisco parlare di un servizio "minore", di quelli che ti appassionano perché creati da persone "che ci credono" e che ci hanno investito passione ed energie (... e qualche soldo, magari?!) ;)


Box.net online storage


Il servizio si chiama Box.net ed è nato come progetto startup nell'autunno del 2004. È gratuito ed è disponibile online previa registrazione (ovviamente). Va tuttavia segnalato che la registrazione non è affatto invasiva, e richiede unicamente un indirizzo e-mail ed una password. Insomma, per registrarsi bastano una decina di secondi.

La versione gratuita di Box.net (versione BASIC) offre 1 GB di spazio, la funzionalità di Desktop Sync (per sincronizzare i contenuti del PC con quelli del remote drive) ed il supporto via e-mail.

Esiste poi una versione PREMIUM che, oltre a fornire 5 GB di spazio consente la condivisione dei file con il pubblico, la possibilità di postare sul blog, il supporto telefonico ed un traffico mensile di 20 GB.
Costo: 4,99$/mese - 49,99$/anno.

Infine la versione PRO, che offre 15 GB di spazio, 50 GB di traffico mensile, e l'accesso da mobile.
Costo: 9,99$/mese - 99,99$/anno.

Prova su strada
Io l'ho provato e la prima impressione è assolutamente positiva. L'interfaccia è intuitiva e ben fatta, anche se il servizio è disponibile solo in lingua inglese (ma sfido anche i meno ferrati in materia a non riuscire a destreggiarsi nell'account!).
Il trasferimento dei file è soddisfacente. Con la mia linea ADSL 6 Mega ho registrato una velocità di Upload di 23/24 Kbps ed una di Download di 90/100 Kbps.

Ora qualche impressione a caldo, cercando di riassumere aspetti positivi e negativi del servizio.

Aspetti positivi:
- Documenti sempre a disposizione (basta una connessione);
- Backup assicurato... per i più pigri;
- Possibilità di fornire l'accesso ad altri soggetti remoti;
- Servizio gratuito e senza pubblicità;
- Non lo perdi come la chiavetta USB ;)

Aspetti negativi:
- Nella versione Basic non si sa quanto sia il traffico a disposizione;
- Non mi è chiaro quali garanzie ci siano in termini di riservatezza dei dati salvati sullo spazio;
- ... Riuscirà il servizio a far fronte alla concorrenza dei BIG?

Fonte: http://www.puntoict.it/blog/bg06-0016-box_net_online_storage.html

lunedì, maggio 08, 2006

Installare driver Nvidia 87.56 su Debian Etch/Sid

Visto che online trovo le guide più strane per installare i driver Nvidia su linux e in particolare su Debian, scrivo questa mini-guida per newbie!


  • Scaricare i driver Nvidia dal sito ufficiale: www.nvidia.it/object/linux_it.html
  • Mettere il file NVIDIA*****.run nella /home/NOME_UTENTE e uscire da X. (per Kde: "Termina Sessione" - "Termina la sessione corrente" e poi da kdm andare in modalità console. Per molti newbie questo passaggio non è scontato :p )
  • Loggarsi come root e dare il comando sh NVIDIA*****.run (potete comodamente premere tab e verrà automaticamente completato il nome del file)
  • Una volta partita l'installazione ci verrà chiesto se scaricare il kernel precompilato dal sito della nvidia, selezioniamo no. Infine lasciamo il compito all'installer di modificare per noi lo xorg.conf.
  • Una volta usciti dare un apt-get install nvidia-kernel-common nvidia-glx e riavviate o date uno startx!